Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Brancati: una scuola al servizio del territorio

martedì 12 febbraio 2008, di Massimiliano Nicosia

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Quasi 1000 alunni e più di 100 insegnanti, palestre, laboratori di ceramica e informatica, mense e biblioteche distribuite nei suoi 4 plessi sparsi nei territori di Villaggio Sant’Agata, San Giorgio e Librino. È una piccola popolazione scolastica quella che ruota intorno all’Istituto Comprensivo “Vitaliano Brancati”, a guidarla, ormai da 8 anni, il preside prof. Giuseppe Vascone. Dirigere una struttura così complessa non è un’impresa facile specialmente se il territorio di riferimento ricade tra le cosiddette “aree a rischio” a causa dell’alto tasso di dispersione scolastica. Da un’indagine nel corso degli ultimi anni si evidenzia come il tasso di dispersione sia sceso da 3,7% dell’anno scolastico 1999/2000 a 1,68% dell’anno scolastico 2004/2005, per poi salire nuovamente oltre il 3% negli ultimi anni. Le amministrazioni locali peraltro non sempre si mostrano particolarmente sensibili a dare priorità alle iniziative dei Dirigenti Scolastici: “Avevo fatto richiesta perché la scuola potesse ospitare permanentemente la mostra su Vitaliano Brancati realizzata dalla Provincia alle ciminiere – si rammarica il preside – ma non ho ricevuto alcuna risposta”. La copia di una circolare appesa in bacheca e indirizzata all’amministrazione comunale informa del resto che le richieste del preside di vedere realizzati alcuni lavori di manutenzione ordinaria sono rimaste inascoltate. Già da qualche anno la scuola ha tentato di ridurre al minimo il fenomeno della dispersione scolastica in termini di abbandono e frequenza irregolare attraverso l’aumento della permanenza a scuola, una scuola percepita però come luogo accogliente, di gioia e divertimento. Tuttavia, esiste uno scarto notevole fra la domanda delle famiglie, che delegano totalmente la scuola circa l’educazione/istruzione dei loro figli, ed i bisogni degli alunni che invece necessitano di adulti che adempiano alla loro funzione. Annualmente l’Istituto, che da quest’anno risulta essere anche centro dell’Osservatorio Integrato d’area per la 9a e 10a Municipalità, cerca di rispondere ai bisogni del territorio aumentando l’offerta formativa attraverso un ampio ventaglio di progetti extracurriculari: teatro, corsi di vetro, ceramica e stoffa, laboratori di carta pesta e tradizioni catanesi, cineforum e perfino un corso finalizzato al conseguimento del patentino per la guida dei ciclomotori. Ma l’offerta è destinata ad aumentare ulteriormente anche nei prossimi anni; il preside infatti ci accompagna nella parte esterna del plesso centrale dove alcune ruspe sono in azione per realizzare quella che dovrà diventare la “Cittadella dello Sport” dell’Istituto: una struttura che prevede la costruzione di campi di calcio a 5, basket, pallavolo, salto in lungo e un anfiteatro e che si prevede sia consegnata a giugno di quest’anno. Accanto alla futura cittadella un’ala della scuola sarà destinata ad ospitare anche alcuni indirizzi in vista dell’istituzione delle scuole di II grado nel quartiere catanese. Come previsto dal decreto assessoriale dell’1 giugno 2007 della Regione Siciliana, dal 1° settembre 2008 saranno istituiti a Librino 5 nuovi corsi: istituto professionale per i servizi sociali, tecnico commerciale, tecnico per attività sociali, tecnico industriale e liceo scientifico. “Sempre che ci saranno sufficienti iscrizioni” – precisa il prof. Vascone – “l’iniziativa non è stata pubblicizzata abbastanza e i genitori hanno qualche remora ad iscrivere i propri figli”. Ci auguriamo che, anche attraverso “la Periferica”, quest’importante iniziativa per il territorio possa essere realizzata presto.

Istituto Comprensivo "V. Brancati"

Dirigente Scolastico: Prof. Giuseppe Vascone Sito Internet: www.icbrancati.it

Totale alunni: 968 (dei quali 73 portatori di handicap) suddivisi in Scuola dell’infanzia: 198 alunni (13 docenti dei quali 1 di sostegno) Scuola pimaria: 451 alunni (53 docenti dei quali 17 di sostegno) Scuola secondaria di I grado: 319 alunni (62 docenti dei quali 18 di sostegno)

Sedi: Plesso Centrale - Stradale S. Teodoro (Villaggio Sant’Agata): 5 classi di scuola secondaria di I grado; 2 sezioni di scuola dell’infanzia Plesso via delle Dalie - (Librino - borgo antico): 3 sezioni di scuola dell’infanzia, 9 classi scuola primaria Plesso Stradale Cravone - (San Giorgio): 7 classi di scuola primaria, 4 sezioni scuola dell’infanzia Plesso Stradale Cardinale - (San Giorgio): 7 classi di scuola primaria e 11 classi di scuola secondaria di I grado




I più letti

SetteGiorni