Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Iniziativa di Controcampus pulizie generali a Villa Fazio

Lodevole iniziativa, rimangono i problemi della struttura

domenica 6 febbraio 2011, di Massimiliano Nicosia

Vota quest'articolo
voti:1

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong
JPEG - 52.7 Kb

L’hanno chiamata “quartieri puliti”, un’iniziativa, finanziata attraverso i fondi comunitari europei, che tende a recuperare gli spazi inutilizzati della città diffondendo allo stesso tempo una cultura ambientalista. I ragazzi dell’associazione di studenti universi- tari “Controcampus” hanno deciso di iniziare domenica 30 gennaio proprio a Villa Fazio a Librino proponendo una giornata dedicata alla pulizia della struttura. Per far questo, e anche per coinvolgere il quartiere, nei giorni precedenti erano stati distribuiti nel territorio i volantini dell’iniziativa. Chiunque poteva aderire e la stessa associazione si è fatta carico di fornire a tutti l’attrezzatura adeguata per la raccolta differenziata dei rifiuti. Indiscutibile la buona volontà e l’impegno dei volontari che dalle 10:00, armati di tute, ramazze e sacchi, hanno iniziato un lavoro senza sosta prolungato fino al pranzo consumato nei pressi della masseria.

JPEG - 19.9 Kb

Da più fronti tuttavia si sollevano perplessità sull’impatto dell’iniziativa sulla fruibilità della struttura. “Sono venuto qui a pulire diversi anni fa - ci racconta uno degli operatori della Dusty chiamato a dar man forte ai volontari e ad occuparsi dei cosiddetti rifiuti speciali - anche allora abbiamo pulito e oggi è peggio di prima. Cosa ci concludiamo a pulire di nuovo se almeno non chiudono gli ingressi?” C’è anche un ragazzo che abita a Librino da 25 anni, e Villa Fazio la ricorda quando straripava di ragazzi e bambini, “ho approfittato dell’iniziativa e non ho perso tempo. Sono un biologo e questa iniziativa deve essere favorita da tutti i punti di vista. Non sono sicuro però che questa attività abbia colpito nel segno. La struttura è troppo malandata. Una giornata importante ma ho paura che rimanga fine a sé stessa”.

I volontari però non si danno per vinti e ipotizzano nuove iniziative nella masseria. Per loro, in ogni caso, era importante lanciare un segnale.

- vedi anche Villa Fazio, intervista al Sindaco Stancanelli: «i residenti facciano la loro parte»

Portfolio




I più letti

SetteGiorni