Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Zia Lisa: operazione antidroga dei carabinieri, 8 arresti

martedì 25 gennaio 2011, di Massimiliano Nicosia

Vota quest'articolo
voti:2

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

I Carabinieri di Fontanarossa, collaborati dal Nucleo Elicotteri, da unità del Nucleo Cinofili di Nicolosi e con il supporto di un contingente del 12° Battaglione “Sicilia” di Palermo”, hanno arrestato 8 spacciatori nel quartiere Zia Lisa.

Questo l’elenco degli arrestati i quali risultano essere tutti catanesi pregiudicati per traffico di sostanze stupefacenti: Francesco Gaetano Condorelli (21enne), Orazio Condorelli (53enne), Salvatore Condorelli (26enne), Isidoro Di Stefano (30enne), Alessandro Mascali (18enne), Giovanni Mascali (26enne), Carmelo Savoca (38enne), Rosario Signorelli (30enne)

JPEG - 2.4 Kb
Alessandro Mascali
JPEG - 2.4 Kb
Carmelo Savoca
JPEG - 2.6 Kb
Francesco Condorelli
JPEG - 2.6 Kb
Giovanni Mascali
JPEG - 2.4 Kb
Isidoro Di Stefano
JPEG - 2.7 Kb
Orazio Condorelli
JPEG - 2.5 Kb
Rosario Signorelli
JPEG - 2.9 Kb
Salvatore Condorelli

Questo è il risultato di un’indagine complessa ed articolata sviluppata da novembree culminata nei giorni scorsi dai militari dell’Arma che hanno azzerato un sodalizio criminale nel quartiere Zia Lisa, che aveva la gestione ed il controllo dello spaccio di droga nella zona della “Via San Jacopo” (traversa di via Madonna del Divino Amore, accanto al nuovo parcheggio scambiatore del cimitero catanese).

L’intervento – avvenuto nel cuore della notte tra venerdì e sabato - rappresenta l’atto finale di un’attività di osservazione e monitoraggio condotta dai Carabinieri, che hanno controllato i movimenti e le abitudini degli spacciatori. La banda poteva contare su una fitta rete di vedette che poste all’ingresso del quartiere garantivano protezione e sicurezza agli spacciatori. In questo modo era possibile prelevare le "dosi" occultate con delle particolari calamite tra le lamiere di alcuni autocarri e container parcheggiati nel piazzale per poi venderlo ai "clienti" che attendevano. Il denaro così procurato veniva poi immediatamente nascosto nelle terrazze dei palazzi circostanti.

L’azione dei carabinieri è scattata dopo che i militari hanno assistito all’ennesima cessione di droga. Una giovane donna infatti, a bordo di un taxi, si era fatta accompagnare in Via San Jacopo e aveva chiesto la cortesia al tassista di attenderlo mentre acquistava una dose di cocaina. Immediatamente è scattato il blitz. Mentre l’elicottero assicurava la copertura aerea, e i militari del Battaglione cinturavano l’intera area, i cani antidroga guidavano i Carabinieri nei posti ove era stata nascosta la droga. L’operazione si è conclusa con l’arresto delle otto persone che dovranno rispondere di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, e con il recupero e il sequestro di 265 dosi di cocaina e 150 dosi di marijuana, tutte già confezionate e pronte per essere vendute.

Durante le lunghe giornate di avvistamento, i Carabinieri hanno censito mediamente oltre 120 clienti giornalieri, i quali portavano presumibilmente 6-7000 euro al giorno nelle casse del clan.


La zona di via San Jacopo

Portfolio

La scena dello spaccio



I più letti

SetteGiorni